Chi siamo
La storia dell'allevamento
Fongaro Renato, titolare dell'affisso E.N.C.I. - F.C.I. Fongaro's, pratica l'attività venatoria con il cane da ferma da sempre.
Il padre, cacciatore di origini campagnole padane, aveva sempre avuto l'occasione di possedere cani da ferma provenienti da nobili lombi in quanto assiduo frequentatore di campi prove.
Verso il 1970 e per concessioni materne, iniziò a seguirlo sia a caccia che alle prove di lavoro, appassionandosi alla concretezza ed all'eleganza degli "inglesi" piuttosto che alle razze continentali da ferma (che stima egualmente). Con l'aiuto del padre inizia quindi a "tarare l'occhio" per distinguere le potenzialità di un campione di lavoro da uno scellerato maratoneta.
Quindici anni fa raccolse i frutti della selezione di un maturo amico cinofilo della scuola "Puttini e Fanton" che fece della qualità (al contrario dell'allevamento estensivo) vessillo di battaglia.

Sequenza di caccia alla beccaccia con Astore e cani da ferma
Webmaster:
Cookie policy
Pinto Michele

Il motto del maestro/mentore "Un mezzo inglese è sempre più concreto di un continentale intero" lo convince a tal punto che ancora oggi ne è portavoce.
Gli studi universitari gli permettono di approfondire la preparazione cinofila (Psicologia e Comportamentismo del cane, Anatomia, Fisiologia, Cinognostica, Meccanica animale e Morfologia funzionale) affrontando testi scientifici che purtroppo mancano, ancora oggi, in Italia.
Mai pago d'imparare e confrontarsi nella cinofilia parlata ed applicata sul campo, matura convinzioni che sfociano nel 1998 in un manuale intitolato ...Io però amo gli "inglesi". Linotipia Verga, © Verona 1999, di cui si trova una vecchia bozza non corretta navigando nel web.
Nel proseguo della carriera cinofila e dopo aver ridotto oltre ogni limite il calibro del proprio fucile, si avvicina all'arte della falconeria seguendo il corso per falconieri della A.I.F. (Associazione Italiana per la Falconeria) ed accoppiando, nel proseguo, cani da ferma ed Astore per la caccia alla Scolopax Rusticola Linnae. Praticando questa difficile arte venatoria, compare su riviste specializzate italiane (Caccia+) e francesi (La Mordorèe, organo ufficiale di stampa del Club Nazionale dei Beccacciai francesi). Tale attività gli consentirà di sottoporre i soggetti del proprio allevamento ad un dressaggio ancor più rigoroso, valutando così l'equilibrio psichico dei propri cani.
Attualmente concilia la professione di farmacista con quella dell'allevatore, scrittore, articolista freelance dei più letti periodici del settore venatorio (Caccia+, Sentieri di Caccia, Cani da Ferma & da Cerca, ecc), collaboratore dei siti www.cacciaweb.com, www.bighunter.it, www.cacciaepesca.tv e  consigliere del Gruppo Cinofilo Veronese (delegazione E.N.C.I. Verona).
Il suo allevamento di Setter vanta alle spalle riproduttori del calibro di Rusty del Dianella (CH it & internaz. di lavoro), Radentis Gian (CH it & internaz. di lavoro), Dun del Meschio (CH it di lavoro), Decor Lot (CH it & internaz. di lavoro), Edgar del Roveto (CH  internaz. di lavoro) ed altri soggetti che raccolgono il vanto della cinofilia italiana dell'ultimo trentennio, permettendogli di fissare importanti caratteristiche nella progenie delle sue fattrici.